header image
 

lunghe notti a latte e pannolini

 

Non è che i gemelli non siano bravi… poveri cristi, piangono se hanno fame, qualche mal di pancino ma lieve lieve, cambio il pannolino e non dicono quasi nulla… il problema è che sono due, due, e i tempi raddoppiano. Di notte, proprio quando ho finito di allattare uno (latte mio, questo è il punto) e mi accingo a stendermi a letto con la schiena a pezzi, ecco il fratello che reclama, giustamente, della serie: "E a me non dai nulla?". "Certo, piccolino…". E via di nuovo… e proprio quando ho finito il fratello, ecco che il primo si fa di nuovo sentire, perché alla fine sono passate quattro ore e ha di nuovo fame. Di giorno si esce, si gira, si va all’Esselunga come se fosse un cinema, visti i mesi che ho passato a letto. Mi bevo un caffè al sole, ascolto la musica mentre la gente passa e guarda dentro la carrozzina allibita… ma di notte, in effetti, è un circolo che non ha mai fine… E Mattia? Lui tiene duro, ride, accarezza i fratellini, e questo ci da la carica per riderci sopra, anche alle notti un po’ insonni. In fondo i piccoli hanno solo tre settimane, che pretendere?

~ di valewanda on 8 Aprile 2008.

4 Risposte to “lunghe notti a latte e pannolini”

  1. Bè che dire? Auguroni!!! :-)

  2. eh dai, passerà anche questo periodo!!!
    Tieni duro!
    un bacino a tutti!!!
    Vania

  3. Stella, ti capisco tanto. Io me le ricordo ancora le notti, e mi ricordo con che fremiti aspettavo le 7,45, ovvero l’orario di aperura della Coop, per andare un pò fuori, fare un pò di spesuccia, mettere i marmocchi nel passeggino dopo la “prima colazione”… e farli crollare nel passeggino, il più a lungo possibile.
    Ecco, passerà. Non dico alla svelta perché finché ci sei in mezzo col cavolo che passa alla svelta, ma passerà e devi solo tenere botta. Prova ad appisolarti mentre allatti, sul divano, su un tappeto e tanti cuscini… credimi, ci si riesce!! :-) tanto tanto affetto!
    Arianna

  4. Cara Ari, ti avrei scritto per salutarti e chiederti qualcosina.. ora va meglio, i piccoli sono bravi e dormono anche sei ore di fila e di più. Io preferisco dormire la mattina, e ripresentarmi decente vestita verso l’ora di pranzo… resisteremo!